giovedì 15 dicembre 2011

Come un'araba fenice: morte e rinascita di LN-LibriNuovi

A prima vista una storia tristissima: LN-LibriNuovi, gloriosa rivista letteraria cui vado orgogliosa di collaborare da molti anni, dopo un'onorata e lunga carriera (dal dicembre 1996 al luglio 2011), abbandona le sue spoglie cartacee. Ma... miracolo, eccola risorgere più bella e più ricca di pria in versione digitale. Potete trovare qui  una scelta del prossimo numero: Italici vampiri d'antan. Un contributo a una storia della letteratura di genere in Italia, interessantissimo excursus completo di bibliografia, di Gordiano Lupi; Io leggo in grigio - Viaggio intorno all'"Assassino" di Georges Simenon con ampi estratti da interviste all'autore, di Silvia Treves; recensioni di James Gordon Farrell, L'assedio di Krishnapur, di Davide Mana; Philip K. Dick, La svastica sul sole, di Massimo Citi; Gaya Rayneri, Pulce non c'è, di Laura Operti; Rosanna Morace, Un mare così ampio. I racconti-in-romanzo di Julio Monteiro Martins, di Consolata Lanza. Nonché un esauriente articolo sui motivi che hanno portato a questa trasformazione.
Anche quando la resurrezione sarà completa e LN-LibriNuovi si sarà rivestita definitivamente delle sue nuove vesti, rimarrà del tutto gratuita e scaricabile in pdf per i suoi affezionati lettori. Che nel frattempo, ne sono più che certa, saranno aumentati a dismisura raccogliendo nuovi fan in ogni angolo del web. Sento già gli applausi, i brindisi e i baci che schioccano. W LN-LibriNuovi e auguri per la sua VN-VitaNuova.    

1 commento:

maxciti ha detto...

Grazie Conso!
Ci vorrà un pochino - i lavori «seri» sul nuovo sito partiranno con l'anno nuovo - ma resteremo in pista, davvero. Quanto ai lettori, ho giusto appena ricevuto una proposta di collaborazione da un habitué della rete che in formato cartaceo non aveva mai nemmeno sentito parlare di LN. Insomma, c'è movimento.