domenica 28 aprile 2019

Come una chiacchierata con un amico: Paul Sedaris, Ragazzi, che giornata! Diari 1977 - 2002

Ragazzi, che giornata!, un estratto dei diari di David Sedaris dal 1977 al 2002 con entrate brevissime 

che diventano più lunghe proseguendo negli anni , non è adatto ai lettori che cercano trame complesse e colpi di scena, analisi psicologiche, quelli che vogliono emozionarsi o commuoversi. È un libro attraente e riposante, tutto di sbieco. Viene voglia di andare avanti, di tornare a casa per leggerlo, anche se non c’è trama né un vero crescendo legato alla vita di Sedaris. 

Gli anni giovanili sono contraddistinti da una vita fatta di case precarie, amori e amici precari, lavori precari (anche se sullo sfondo c’è sempre la famiglia con la mamma pronta a dare una mano e un aiuto pecuniario), nuotando in una vivace corrente di alcol e droga, nella natia Raleigh. Poi il trasferimento a Chicago, le scuole di scrittura, la morte della madre, i viaggi, i luoghi, e infine il successo, il solido rapporto amoroso con Hugh, la Francia, l’Inghilterra. Naturalmente l’11 settembre, tutto sommato un avvenimento tra gli altri anche se pesantissimo (ma la retorica patriottica non fa per lui, che malgrado l’origine greca non ha mantenuto radici, non parla greco e si sente totalmente americano). I rapporti insieme stretti e complessi con il padre e i fratelli tra cui spicca Amy, con cui condivide l’attività teatrale, la problematica Tiffany e il giovane Paul. Ma soprattutto il successo, solidissimo e molto impegnativo, con il contorno di viaggi continui (corre su e giù tra Stati Uniti e Europa come un rappresentante di commercio a parlare dei suoi libri e tenere incontri), rapporti con sconosciuti, case nuove, finalmente agiatezza e possibilità d’ogni genere.

Ma tutto questo avviene come per uno sviluppo naturale, ovvio. Sedaris non ci racconta gli snodi cruciali, ci mette a nostro agio con situazioni e persone senza mai calcare la mano. Soprattutto riesce nel miracolo di parlare di sé senza raccontarsi mai. Passano gli anni, cambiano le situazioni, ma noi veniamo a saperlo di traverso, attraverso la descrizione di tipi strani, incontri, conversazioni curiose o significative, ma sempre trasversali, tangenti. Sempre gradevole, mai narciso, con un occhio attento agli altri. L’ironia c’è, se no non sarebbe David Sedaris, ma serve da paravento dietro cui si nascondono l’empatia e la generosità. Certo non è spiritoso come in Me parlare bello un giorno o altre opere, perché qui non servirebbe, ma divertente sì, e molto.

Astenersi chi ama i gialli, noir, thriller, rosa, fantasy, fantascienza ecc ecc. Qui c’è solo vita, osservazione acuta, assenza di giudizio, una curiosità mai sopita per il mondo e i suoi abitanti. Sedaris inoltre scrive con una naturalezza, un’apparente semplicità che invogliano alla lettura e non stancano mai. L’impeccabile traduzione è di Matteo Colombo.

lunedì 22 aprile 2019

Apparizione mariana a Stupinigi, lo stato delle cose

Era molto tempo che non tornavo a passeggiare nei boschi di Stupinigi, e ecco un ulteriore aggiornamento della situazione. Tutto bene sul fronte dell'apparizione - la madonna è sempre lì, è comparso anche un crocifisso abbastanza imponente ma meno della madonna, le panche per i fedeli sono aumentate, fiori, candele, padri pii, bigliettini e annessi anche, il posto è ben tenuto. Idem lo spazio informativo - devozionale della Mirtiotissa, con un piccolo spazio coperto per pregare sotto la pioggia. Bene. Sono molto contenta.
I barbecue erano ancora contenuti, d'altra parte il tempo non era molto propizio. Il traffico maschile sui sentieri dalla parte di Orbassano sempre interessante e vivace. Rospi non pervenuti, scoiattoli molti, ancora piccoli e giocherelloni. 
Stay tuned, vi terrò al corrente.






sabato 13 aprile 2019

Lucio Battisti a Bolzaretto Superiore: un racconto inedito, Una donna e una bambina



------------------------------------------------------------------D                                           UNA DONNA E UNA BAMBINA                    
      Camminavano una dietro l'altra lungo il fosso bordato di salici, sull'erba umida e in certi punti fangosa. Era quasi buio e i salici svanivano nella nebbia dopo pochi metri. La bambina aveva un piumino rosso e scarpe da ginnastica di pelle, la donna si stringeva freddolosamente un giaccone grigio intorno al collo. Si sentiva vicino il rumore delle macchine sulla strada, rassicurante contro il silenzio della nebbia.
     "Che idea fare questa scorciatoia, non si vede niente! Finiremo per scivolare nel fosso e moriremo annegate o mangiate dalle rane" disse la bambina con voce irritata.
     La donna rise.
     "Certo, è frequentissimo che le rane mangino gli imprudenti" disse allegramente, e le diede uno spintone per farla camminare più in fretta.
    "Claretta, se non cammini un po' svelta ti passerò davanti e ti perderai nella nebbia" riprese. "Sei tu che hai avuto la bella idea di andare a giocare da Adriana sapendo benissimo che non potevo venirti a prendere in macchina perché è dal meccanico fino a domattina."
     "Sì, ma avremmo potuto fare la strada invece della scorciatoia" replicò la bambina, "non eravamo mica obbligate a passare di qui con questo freddo e questo buio e quest'erba bagnata e la nebbia..."
     "Ancora una lamentela e ti mollo qui. A me piace molto di più camminare qui con questo buon odore di umido che rischiare di essere investita da una macchina e respirare gli scarichi e le puzze sullo stradone."
     Ormai il sentiero aveva abbandonato i campi e attraversava uno spiazzo erboso, con l'entrata del cimitero su un lato e dall'altro una fabbrica bassa circondata da un prato ben tenuto e una recinzione di rete metallica. Il piazzale dava sulla strada provinciale, dove il traffico si snodava sostenuto. La donna e la bambina vi si avviarono, tenendosi sulla breve striscia di erba che divideva la carreggiata dal fosso e aggirando i paracarri che impedivano di proseguire diritto. I fari illuminavano l'asfalto e le luci del paese erano ormai vicine. Oltre un grande ristorante davanti al quale si stendeva un parcheggio quasi vuoto, cominciavano le prime villette con i giardini bui e le lampade sulla porta d'entrata.
     La donna canticchiava una vecchia canzone e la bambina camminava decisa, le mani nelle tasche del piumino. "Guardo lui e penso a me, che mi credo chissà che, travestito da leone, ma ho paura di te..." Le parole erano coperte dal rumore delle automobili, ma la donna cantava per se stessa e nemmeno i claxon la disturbavano. "Tra le rose e l'insalata, presto mia sarai..." La sera era più allegra adesso che camminavano tra le case.
     "Vieni, andiamo a comprare qualcosa per cena. Che cosa ti farebbe piacere?" disse la donna che aveva finito la sua canzone.
     "Vorrei patate fritte e budino di cioccolato" rispose la bambina speranzosa, e si infilarono in un piccolo supermercato vivacemente illuminato.
     A casa, la donna disse alla bambina:
     "Fila a fare i compiti mentre preparo la cena, sono sicura che con Adriana non hai fatto niente altro che giocare."
     "Sì mamma" rispose Claretta, e andò in camera sua a leggere un giornalino a fumetti. Si era tolta il piumino entrando in casa, ma aveva ancora le scarpe da ginnastica fangose e le piazzò con soddisfazione sul copriletto rosa a righe verdi dov'era sdraiata.
     La donna, in cucina, smistò i pacchetti che riempivano la busta di plastica del supermercato: le verdure nel lavello per pulirle, la carne nel frigorifero, il domopak e il caffè nell'armadio. Aveva ricominciato a canticchiare, ma poi smise e andò in salotto a mettere un'aria d'opera in cui una cantante strillava che doveva vivere libera e folleggiare di gioia in gioia. Uno strazio.
      "Non riesco a studiare con la musica" gridò Claretta dalla sua stanza.
     La madre spense lo stereo, ma non riprese più la sua canzone. Accese la televisione in cucina, tenendo l'audio bassissimo.
    Poco dopo squillò il telefono, e lei rispose dall'apparecchio che era in cucina. La conversazione fu breve, ma sul viso della donna rimase un sorriso molto tempo dopo che era finita; mentre sbucciava e affettava le patate la canzone le rispuntò sulle labbra: "La gallina coccodè..." L'olio sfrigolava nella padella. "Tra le vigne e l'insalata, mi sfuggiva gaia... corri pure se vuoi, scappa e fuggi se puoi, maaaa... non servirà!" La donna era allegra, neppure le cipolle che affettava riuscirono a rattristarla.
     Claretta, nella sua stanza, si tolse le scarpe ancora umide e le posò accuratamente l'una accanto all'altra su una sedia ricoperta di stoffa a fiori. Siccome aveva finito il giornalino, si mise a scrivere il suo diario. "Oggi sono stata da Adriana, e abbiamo parlato di Stefano, che ci piace a tutte e due, anche se lui sta con Luisa e ieri quando gli ho chiesto di venire a studiare da me mi ha detto che lui studia solo con sua madre e so che è una bugia perché la settimana scorsa è andato da Luisa e non c'era nessuno in casa e mi piace perché ha gli stessi occhi di Tom Cruise..." Claretta scriveva e sua madre sorrideva.
     "Vuoi anche un uovo?" gridò la madre dalla cucina.
     "No grazie" rispose Claretta, continuando a scrivere.
     A cena erano in tre, Claretta, sua madre e suo padre.
     "Che cosa avete fatto oggi?" chiese il padre. "A Bolzaretto non c'è nebbia, ma a Torino non si vedeva a due metri dal naso."
     La donna e la bambina scossero il capo con aria comprensiva.
     "Strano" disse la madre "di solito c'è più nebbia qui che a Torino. Comunque non abbiamo fatto niente, solo due passi nei campi, e ci sembrava che ci fosse nebbia, ma forse ci siamo sbagliate."
     "C'erano solo rane" disse Claretta.
     "A questa stagione?" chiese il padre, ma poi si servì di patate fritte e dimenticò l'argomento.
     Alle nove e mezza la bambina andò a dormire, e i genitori guardarono la televisione per un'altra ora.
     "Che cazzate" commentò il padre, ma la madre sorrideva e disse che il programma le era sembrato interessante.
     Claretta spense la luce quando sentì che i suoi genitori spegnevano la televisione. Pensava che l'indomani, durante l'ora di educazione musicale, forse avrebbe potuto sedersi vicino a Stefano perché entrambi studiavano il flauto, mentre sia Luisa che Adriana avevano scelto la chitarra. Il suo ultimo pensiero prima di addormentarsi fu un ringraziamento perché alle medie di Bolzaretto c'era un insegnante di musica così largo di idee da permettere a ogni allievo di scegliere lo strumento che voleva studiare. Sua madre, sdraiata nel letto accanto al marito, aveva in testa un motivo che non la lasciava dormire: "Corri e fuggi se puoi, maaaa... non servirà! Tra le vigne e i cavolfiori, presto mia sarai..."
     "Domani" disse la donna al marito "dopo la scuola Claretta andrà da tua madre, perché io andrò al mercato di Savigliano e non tornerò di sicuro in tempo per pranzo."
     "Certo cara" rispose il marito, e si voltò dall'altra parte.
      
    La sera dopo, erano di nuovo tutti e tre a tavola insieme, davanti a un piatto di spezzatino con i piselli, che a Claretta non piaceva.
     "La nonna mi ha fatto i gnocchi" annunciò con voce belligerante.
     "Alla bava?" chiese la madre.
     "No, al sugo" rispose la bambina, imbronciata.
     "E allora? Stasera mangi lo spezzatino, che ti fa bene."
     Claretta storse la bocca, ma i genitori fecero finta di niente.
     "E' stata di nuovo rapinata la filiale della banca sotto al mio ufficio" disse il padre. "E' la terza volta in tre mesi, e la nostra impiegata ha dichiarato che non ci vuole più andare a nessun costo."
     "Non posso darle torto" disse la moglie. "Ci sono stati feriti? Hanno portato via molto?"
     "Nessun ferito, ma non si sapeva ancora quanto c'era in cassa. Il direttore è stato costretto ad aprire la cassaforte e consegnare tutto quello che c'era. I guardioni, fuori, non sono riusciti nemmeno a bloccare i rapinatori all'uscita. Secondo me, erano d'accordo."
     A Claretta questi discorsi piacevano.
     "Avevano il mitra?" chiese.
     La madre era distratta, ma premurosa nel servire da mangiare e sorrideva molto.
    "Il mercato non era tanto bello" disse. "Alle otto pioveva e così molti banchi non c'erano nemmeno. Volevo comprare delle lenzuola da quello che vende le Bassetti sottocosto, ma non c'era. Com'è andata la scuola?"
     Claretta alzò le spalle.
   "Il professore di musica era assente, abbiamo fatto un'ora di matematica in più. La professoressa ha detto che ti vuole parlare."
     "Perché?" chiese il padre, severo.
     "Non avevo fatto i compiti" disse Claretta con aria di sfida, e approfittò della sgridata che ne seguì per lasciare lo spezzatino nel piatto e andare in salotto a guardare la televisione.
     "Sono preoccupato per quella bambina, è così impertinente" disse il padre, ma la madre disse solo:
     "Lasciala perdere, è l'età. Domani vado a parlare alla professoressa. E' una che fa sempre un sacco di storie per niente."
     Rigovernando in cucina, la moglie canticchiava, com'era era sua abitudine. "Come può lo scoglio arginare il mare, anche se non voglio torno già a volare..." A letto rimase sveglia a lungo dopo che il marito si era addormentato, perché aveva un sacco di cose a cui pensare. Le sarebbe piaciuto avere un diario come Claretta, di pelle rossa con una serratura d'ottone e una chiavetta per chiuderlo, e potersene stare in camicia da notte seduta alla scrivania a scrivere sciocchezze, per avere una testimonianza che quella giornata era stata proprio vera. Si chiese se anche suo marito avesse dei segreti da confidare a un diario, ma era quasi sicura di no.
     Claretta, che avrebbe potuto scrivere il suo diario, non ne aveva nessuna voglia. Era già quasi addormentata, ma dei pensieri spiacevoli attraversavano quel poco di coscienza che le restava. Stefano aveva passato tutta la mattina con Luisa, e nell'intervallo le aveva offerto metà della sua Coca Cola. Luisa rideva forte e si pavoneggiava, e Adriana e Claretta erano state tutto il tempo a parlottare tra di loro in un angolo, ma non si erano divertite affatto. La delusione per l'ora di musica mancata era cocente, ma quando si addormentò, sognò una bellissima avventura gialla a lieto fine, di cui la mattina dopo non ricordava più niente.
    
    L'allegria della donna non durò a lungo, né il suo desiderio di poter tenere un diario. Tornò da una spedizione al mercato di Saluzzo con gli occhi rossi e di un umore infernale, e la cena quella sera fu frugale e mal cotta. Claretta, che si era lamentata, si beccò uno schiaffo, mentre il marito non disse nulla ma lasciò la sua parte nel piatto. Più tardi, a letto, le chiese:
     "Qualcosa non va?"
     "No, assolutamente niente" rispose la moglie, e scoppiò a piangere.
     Quando riuscì a parlare, disse solo:
     "Ho mal di testa, un po' di depressione premestruale, non è niente" e chiuse gli occhi con determinazione.
     Claretta dormiva già, contenta della sua giornata. Andrea le aveva chiesto di andare al cinema con lui il sabato pomeriggio, e lei aveva deciso che era molto più bello di Stefano, e più simpatico. Non importava affatto che il sabato fosse impossibile andare al cinema a Bolzaretto - l'unica sala funzionante era quella parrocchiale, dove c'erano solo due proiezioni la domenica pomeriggio. Si poteva andare in autobus in qualche paese vicino, ma era impensabile che i suoi genitori le dessero il permesso. Che cosa importava? Un ragazzo l'aveva invitata al cinema, e Claretta dormiva con un sorriso sulle labbra.
     
      In una giornata di primavera, Claretta e sua madre ripercorrevano il sentiero lungo il fosso e sotto i salici, in fila indiana per non sporcarsi troppo con il fango che copriva la sponda.
     "Com'ero stupida quando pensavo che le rane potessero mordermi," disse Claretta "Andrea mi ha detto che lui le ha sempre catturate e portate in tasca per giorni, e non gli hanno mai fatto male. Ero proprio stupida, eh mamma?"
     "Eri stupida sì" rispose la madre "e finirai davvero nel fosso se non fai attenzione. Non ti mangeranno le rane ma io ti darò un sacco di sberle se ti sporchi di fango."
     Claretta rise, ma non era sicura che sua madre stesse scherzando. Era diventata tanto irritabile da un po' di tempo. Un paio di volte l'aveva sorpresa a piangere e il fatto le era sembrato così strano che non aveva osato chiederle il perché. Era una cosa imbarazzante e un po' indecente una mamma che piangeva. Ma oggi aveva l'aria allegra, e Claretta si aspettava da un momento all'altro che si mettesse a cantare.
     "Mi piace questa passeggiata" disse la madre. "Guarda che carine le foglie dei salici, con quel colore chiaro chiaro, e com'è pulita l'acqua nel fosso."
     Claretta fece un salto per evitare una pozzanghera, e sua madre ci finì dentro in pieno. Si schizzò di fango i pantaloni e la giacca, e disse un paio di parolacce che la bambina accolse con un virtuoso silenzio. Proseguirono zitte, poi la madre cominciò davvero a cantare. "Un dì per me verrà un cavalier d'amor, la mia vita più bella sarà..." Anche Claretta conosceva questa canzone, e così cantarono in coro per un po', finché si stancarono.
     Quando giunsero sul piazzale del cimitero, la bambina chiese:
     "Tra una settimana è il tuo compleanno. Che regalo vuoi, mamma?" 
     "Un diario, con la serratura e la chiavetta per chiuderlo" rispose la madre, e scoppiò a ridere.








 

venerdì 5 aprile 2019

Per i curiosi, gli appassionati e gli amanti dei gianduiotti: Milo Julini, Torino che non c'è più - luoghi e personaggi, Milo Julini e Giorgio Enrico Cavallo, Ladri di cioccolato

Gli appassionati di curiosità torinesi troveranno pane (anzi, grissini) per i loro denti in questi due
gradevolissimi libri, pubblicati da Neos Edizioni, dedicati alla città che è anche la mia. Non si tratta di opere paludate ma di testi agili, veloci e molto curati, che offrono informazioni storiche e culturali insieme a un divertimento intelligente, gustosissimi dettagli d'epoca e vicende raccontate con ironia e leggerezza senza mai perdere l'umanità.

Il primo, Torino che non c'è più - luoghi e personaggi di Milo Julini, è un repertorio di mille curiosità che vanno dai dettagli architettonici come cariatidi e telamoni, mascherone e pipistrelli, a personaggi ora un po' dimenticati come l'avvocato e giornalista giudiziario Giovanni Saragat "Toga Rasa", padre del più noto Giuseppe, o Umberto Gozzano, cugino del padre di Guido, scrittore anche lui, e molti altri. Innumerevoli sono le cose che ho imparato da questa lettura - nella mia abissale ignoranza nulla sapevo del "serraglio" di piazza Bodoni (se volete sapere che cos'era, comprate il libro) né avrei mai pensato che il Conservatorio fosse stato costruito negli anni '20 del secolo scorso, o del fatto che dove ora c'è la Galleria San Federico ci fosse un quartiere pulcioso e cadente, e così via. Impossibile ricordare tutti gli argomenti toccati: la topografia di Torino e dei suoi luoghi è ricostruita con cura, si parla degli edifici monumentali come la Caserma Cernaia ma c'è anche una storia dei vespasiani e delle cascine di città, nonché un capitolo dedicato a Collodi, Torino vista dall'autore di Pinocchio. Illustrazioni varie e foto di Stefano Allochis, Manfredo Cicolin e Aurelio Sartor.

Con Ladri di cioccolato e altre storie giudiziarie, in cui a Milo Julini si affianca Giorgio Enrico
Cavallo, ci si rallegra con storie piuttosto allegre malgrado l'argomento. Il furto e la truffa sono i delitti principali, e stupisce la severità delle pene comminate per crimini tutto sommato minori. Anche qui si parla di personaggi all'epoca conosciutissimi come come cronisti giudiziari sulla "Gazzetta Piemontese" della seconda metà dell'Ottocento, come Matteo Bertone "Curzio" o il già ricordato "Toga Rasa, e non manca il poliziotto Domenico Cappa, guardia del corpo di Cavour. Si comincia dalle spassose cronache dei furti di cioccolato ai danni di produttori di questa tipica delizia torinese, dove però a fare la figura dei cioccolatai sono i ladri, tutti regolarmente presi e condannati. Qualche malfattore suscita ammirazione per la complessità delle sue messe in scena, come il "truffatore del cimitero", o l'originalità del campo in cui delinque, come la ragazza che rubava gli orecchini alle bambine. Ne emerge un'umanità indaffarata nel bene e nel male, intenta a modeste faccende, nello scenario accogliente e domestico di una città importante ma ancora a misura d'uomo, i cui i ladri si muovevano con una certa grazia gozzaniana e le loro storie, lette oggi, risultano nell'insieme molto spassose. Il volume è corredato di illustrazioni, per la maggior parte disegni, contemporanei, del parigino Grandville. 


 

lunedì 25 marzo 2019

Le donne sanno fare di tutto 3: Desy Icardi, L'annusatrice di libri

Desy Icardi, scrittrice, attrice, cabarettista, blogger nonché formatrice aziendale, riversa in questo corposo (e complesso) romanzo tutta la sua passione per i libri. Con una scrittura attentamente calibrata compie una virtuosistica doppia capriola perché doppia è la vivace ricostruzione d'epoca in cui si muovono i suoi personaggi. La quattordicenne Adelina si trova a Torino nel 1957 per motivi di studio, ospite di una zia, Amalia, facoltosa vedova che ha un passato nel varietà su cui preferisce sorvolare. La vicenda quindi si snoda a momenti alterni tra il 1957 e il 1938, epoca dei fasti teatrali di Amalia.
Adelina, pur essendo campagnola e non abbiente, frequenta una scuola privata molto selettiva, in cui incontra solo ragazze ricche, tra cui Luisella, figlia del notaio Vergnano, che diventa sua amica.

Tutta la complessa vicenda su cui non mi sogno di fare spoiler gira intorno a Adelina e alla sua capacità di leggere con il naso, letteralmente. Annusa i libri e magicamente ne inala il contenuto attraverso gli aromi che emanano, saltando le parole e la scrittura che divengono così solo un espediente necessario per quelli che leggono con gli occhi. Una lettura sensoriale e emotiva, che prescinde dalla forma e recepisce solo i contenuti e le emozioni che suscitano. La sua curiosa abilità, esercitata su testi molto ponderosi e che più classici non si può come I promessi sposi, Don Chisciotte, Le mille e una notte, il Decamerone, addirittura i Veda, suscita l'interesse del reverendo Kelly, suo insegnante appassionato di libri antichi, dell'avvocato Ferro, proprietario di una biblioteca praticamente infinita, e del fascinoso notaio Vergnano, collezionista di libri antichi. Si scatena una ridda di tranelli, inganni, desideri che coinvolge anche Amalia, mentre Adelina subisce le prepotenze degli adulti senza capirne il motivo. La storia, ambientata in una Torino d'epoca precisa persino nella topografia, si allarga fino a New York, e ci fa conoscere il famoso codice Voynich, il manoscritto più misterioso del mondo. Alla fine molti misteri saranno chiariti, ma per fortuna non tutti.

Un romanzo godibile e ironico in cui non si parla mai d'amore ma molto di soldi, che mette in luce l'abilità camaleontica di Desy Icardi di calarsi in epoche ricostruite in tutti i loro tic anche linguistici, senza mai trascurare i personaggi, ben delineati e curati in tutte le sfaccettature del carattere, e di avvolgere il lettore in un'atmosfera amichevole e accogliente.   




venerdì 22 marzo 2019

Le donne sanno fare di tutto 2: Licia Pizzi, piena di grazia

Giustamente proposto al Premio Strega da Francesco Durante, piena di grazia di Licia Pizzi è stata per me una bellissima scoperta. Ho avuto la fortuna di sentirne leggere un breve brano dall'autrice stessa nella suggestiva cornice di Marina di Camerota, e mi era rimasta la curiosità di conoscerne il resto, ma gli impegni di lettura sono sempre pressanti e solo ora sono riuscita a realizzare il proposito. 

Ci troviamo in un luogo indefinito tra le montagne del Meridione d'Italia dove Cose orribili vengono raccontate, come i racconti del bosco. Assassinii, briganti, janare. Il paese è di poche case, di poche parole. Uno di quei borghi con un'unica storia di miseria e fame che si ripete da secoli, sempre uguale, sempre la stessa. L'incipit precipita il lettore in mezzo a un mondo senza tempo, in cui Grazia, la protagonista bambina, vive a livello di natura: sta cercando di prendere in braccio un maiale, che si dibatte e urla, uno stridio, voce roca di bambino malato, mentre lei lo afferra da sotto le zampe anteriori e quello continua a scivolare via. Poi Grazia ha una folgorazione. Un colpo ben assestato, al centro del cranio rosa, e il maiale si zittisce. Lei è nata in una famiglia povera, Fratelli e sorelle cui badare. Un numero imprecisato che lei contribuisce a riempire. E' una di quelle nate nel mezzo della figliata, quelle che fanno numero. Non è nemmeno un maschio. Ma è la prima femmina. Non è nemmeno bella, è pesante, testona, poco amata tranne dalla nonna che le sussurra all'orecchio [...] prima di piombare nel sonno, sul materasso pieno di paglia e pulci, 'Razia, fa' a bbrava. 

Ma come tutte le bambine ha dei sogni, delle aspettative per la propria vita. C'è Nuccio che la guarda, ci sono le canzoni con le loro parole strane, la messa, la scuola, i racconti della nonna. Ma c'è anche, e soprattutto, la realtà che la aggredisce quando viene mandata a servizio da don Rafele il macellaio, il padre di Nuccio. E sarà vittima, come è destinata dal suo essere donna e povera, però la sua reazione non è il pianto, il vittimismo, ma la potente vittoria della rabbia. Non voglio dire altro della trama, perfettamente calibrata sul personaggio e i luoghi in cui si svolge, perché piena di grazia è un libro veloce e smilzo, non vorrei anticipare troppo. Questa è una storia che va letta, una storia volutamente arcaica, narrata con un linguaggio scarno, scabro, scolpito come un crocifisso di legno. Un linguaggio che stupisce per la sua forza, per la scelta di un registro ruvido e potente che asseconda il crescendo drammatico della vicenda. La voce di Licia Pizzi, così originale, non si dimentica facilmente e sono sicura che la rileggeremo presto. Molto curata la veste grafica e editoriale. 

martedì 19 marzo 2019

Le donne sanno fare di tutto 1: Beatrice da Vela, Nocturnales - Le ultime giacobine

Le donne sanno veramente fare di tutto, e tutto bene. Parlerò in sequenza di tre libri scritti da donne che non potrebbero essere più diversi, eppure altrettanto godibili.
Risultati immagini per beatrice da vela

Il primo è un corposo romanzo storico, Nocturnales - Le ultime giacobine di Beatrice da Vela. L'autrice ci racconta di quattro figure storiche di donne coinvolte nella Rivoluzione Francese, tutte definite dai loro rapposti con i protagonisti. Si tratta di Éléonore Duplay, legata a Maximilien Robespierre da un rapporto d'amicizia e d'amore, sua sorella Élisabeth, giovanissima vedova di Philippe Le Bas da cui ha avuto un bambino, Henriette, innamorata forse ricambiata di Antoine Saint-Just, e Charlotte, sorella di Robespierre, costretta a usare il cognome della madre, Carraut, per non suscitare troppa curiosità. La vicenda comincia nel 1795, quando il colpo di stato del 9 Termidoro e la sconfitta dei Giacobini, con la morte di Robespierre, Saint-Just e Le Bas, erano ormai un dato di fatto. 

Nel corso della narrazione, sempre accogliente, alcuni flash back ci riportano in quei giorni infuocati, ma nel complesso la narrazione si svolge tutta in interni, in spazi chiusi, spesso caratterizzati da una grande carica emotiva: il carcere, il cortile, la casa, le stanze condivise con i cari morti tragicamente. In questi spazi le donne si muovono in un'atmosfera carica di affettività, in cui non si teme di esprimere l'affetto e l'amore con frequentissimi abbracci. Ma la vita continua, le quattro donne, circondate da un gran numero di personaggi di contorno, sono costrette a prendere in mano le proprie esistenze, fare scelte, adoperarsi per non essere travolte dalle vicende storiche e soprattutto, raccogliere ricordi e testimonianze per trasformarsi in depositarie della memoria e della trasmissione dei valori della Rivoluzione.  

La giovane autrice, Beatrice da Vela, è un'esperta della Rivoluzione francese, come si può vedere dal suo blog http://www.rossoarcobaleno.it/