domenica 7 gennaio 2018

Un regalo inaspettato e graditissimo: la recensione di Sergio Donna a Il cuore in ballo

Bolzaretto Superiore in tutto il suo splendore!

Oggi gran bella sorpresa con l'ottima recensione di Sergio Donna!

Il cuore in ballo, romanzo di Consolata Lanza
Buckfast Edizioni (Pecetto Torinese)
Anche in quest’ultimo avvincente romanzo, “Il cuore in ballo”, a cura di Buckfast Edizioni, tutto inizia e tutto si conclude a Bolzaretto Superiore. Perché Bolzaretto, toponimo creato dalla feconda fantasia di Consolata Lanza (scrittrice torinese che sa modellare molto bene le parole, forgiandole con sapienza e perizia, componendole in frasi d’armonica scrittura, legandole tra loro in fluide proposizioni e annodandole in paragrafi che invitano a procedere sempre con piacere e curiosità nell’intrigante lettura), Bolzaretto – dicevo – è davvero l’ombelico del mondo letterario di questa scrittrice. Se c’è un Bolzaretto Superiore, è perché – forse neppur troppo lontano – esiste anche un Bolzaretto Inferiore. Ma non ci interessa sapere dove la Lanza abbia davvero posizionato questo paesino della prima o seconda cintura torinese. Ci basta sapere che Bolzaretto è un paese ridente, fortunato, dove succede sempre qualcosa di insolito e di sorprendente, amenamente adagiato tra le prime falde della collina (altrimenti non avrebbe senso chiamarlo “Superiore”) e l’ampia pianura sottostante che si apresulla sponda sinistra del Po. Chè, tanto, noi Bolzaretto ce lo immaginiamo benissimo leggendo il libro, e ne ammiriamo il Castello, i freschi portici della Via Maestra con le botteghe antiche, i due caffè fumosi, la sagoma sveglia del suo parroco, don Ferruccio, avvolto nella cotta nera da prete, un po’ consunta, la voce stridula della sua perpetua, Porzia, e il canto in farsetto delle pie frequentatrici della Parrocchia. E ne distinguiamo il volto dei suoi abitanti, sempre un po’ pettegoli e diffidenti, come ancor oggi accade nei centri di provincia. Ma soprattutto, ne ammiriamo, incantati e ammaliati,la Donna di Pietra, la misteriosa Decembrina, scolpita in un capitello dell’antica parrocchia, sempre pronta ad offrire le sue spighe esoteriche e le sue uova di pietra a tutti coloro che ne scorgono, passando vicino, il suo volto monolitico, consunto dal tempo, ma fonte di ispirazioni, ricordi di storia, emozioni, tradizioni e profumi di pane e di fragranze di aie d’antan.
Ma non tutta l’azione si svolge a Bolzaretto, ovviamente. Qui nasce l’abbrivio di ogni azione, e qui finisce, ma l’onda del racconto si spande ad ampio raggio, tra una Torino di fine Novecento (dove ancora circola la lira e la tecnologia non ci ha ancora tormentato con i suoi tablet e con gli smartphone, e le auto più moderne sono le Dedra e le Clio), la Liguria, e persino al di là dell’Oceano. Largo respiro per questo romanzo, dove la protagonista, Angelica Gabrielli, ragazza ballerina di testa e di piedi, un po’ matta e ribelle, decisamente non conformista, ci rende partecipe delle sue insicurezze, delle sue aspirazioni, delle sue incertezze sentimentali e ce le fa vivere come fossero anche un po’ nostre.
Originale la tecnica narrativa adottata dalla Lanza di porsi in contatto diretto con la protagonista come se fosse la sua personale consigliera: la scrittrice le parla con affetto, talora con rassegnazione, spesso con preoccupazione quando le scelte della sua creatura letteraria si fanno azzardate e troppo rischiose, o quando il suo bisogno di autonomia e di amore la conducono in situazioni critiche e borderline.
Attorno ad Angelica (carnagione d’ambra, occhi neri, gambe lunghe e gomiti sporgenti) e alla sua “testa scarlatta” (capelli quasi tagliati a zero, tinti di rosso), ruotano amiche ed amici, amori, rapporti fugaci e clandestini, talora con risvolti che profumano di noir, desideri proibiti, scopate fugaci, occasionali, ripetute o prolungate. Un cast di co-protagonisti, come Amapola, Stella, Mariolina, Cherifa, Ginni e i suoi boys, e poi Luca, Leo, Damiano, don Ferruccio, Yasmine, un carosello di personaggi allegri, veri, giovani, simpatici o sinistri, mai noiosi, che rendono il personaggio principale, quello di Angelica, più umano e verosimile, e fanno di Bolzaretto il paesino ideale in cui ogni lettore vorrebbe davvero vivere.
Sergio Donna, 7 Gennaio 2018

E perché ognuno possa trovare Bolzaretto Superiore quando lo cerca, dirò che si trova nel triangolo formato da Moretta, Faule e Polonghera, anche se in realtà è nato a Carignano. E come dice l'incipit di Il gioco della masca, "Bolzaretto Superiore si trovava nella pianura più piatta, presso un'ansa del Po, e le montagne lo guardavano serenamente da lontano, loro sì infinitamente superiori alla punta del suo campanile e alla torre del castello". Bolzaretto Inferiore non esiste: sarebbe una contraddizione in termini, e la superiorità si spiega con il fatto che il paradosso è uno dei prodotti tipici del luogo.

Nessun commento: