giovedì 28 febbraio 2008

consiglio di lettura: NADEEM ASLAN, MAPPE PER AMANTI SMARRITI, Feltrinelli 2006

Questo romanzo doloroso e affascinante ha richiesto undici anni di lavoro al suo autore, nato in Pakistan nel 1966 e emigrato in Inghilterra quattordicenne. Ambientato ai giorni nostri in una cittadina dove vive una numerosa comunità di immigrati provenienti dal subcontinente indiano, ha per protagonista Shamas, musulmano, sposato con Kaukab, più legata al mondo da cui proviene che alla realtà in cui vive, e padre di due figli grandi, un maschio che ha sposato un'inglese da cui ha avuto a sua volta un figlio e si è già separato, e una ragazza in fuga da un matrimonio tradizionale. Shamas è direttore del Comitato per le relazioni della comunità, abituato a trattare i complicati rapporti tra gli immigrati incapaci di parlare inglese, ignoranti delle leggi, e le autorità governative. Il suo è un incarico importante che lo porta a frequentare indù e sihk, e a differenza degli altri membri della comunità islamica è uomo di ampie vedute, indifferente al bisogno di restare fedele alle tradizioni religiose. Ma un giorno suo cognato Jugnu e Chanda, una ragazza musulmana con cui convive pubblicamente, spariscono senza lasciare tracce. Sospettati sono i fratelli della ragazza, poi arrestati per l'omicidio della coppia che però non viene mai ritrovata. Da qui si innesca un percorso straziante durante le quattro stagioni del mondo occidentale (in Pakistan le stagioni sono cinque, inverno, primavera, estate, monsone, autunno) in cui Shamas si inoltra con grande fatica, incontrando un amore tardivo e storie terribili di incomprensione tra le diverse religiorni, violenza familiare, impossibilità di accettare le tradizioni e incapacità di staccarsene del tutto per integrarsi nel paese di arrivo. Si parla degli immigrati di oggi, che possono permettersi di tornare in Pakistan in vacanza, liberi dalle necessità primarie della fame e della miseria, ma sempre in bilico tra due mondi e stritolati da entrambi. Molto curato nella scrittura, ricco di personaggi interessanti e problematiche per ora irrisolte, Mappe per amanti smarriti è un romanzo pieno di vita, che insegna molto su una civiltà con cui ci troviamo tutti a fare i conti e lascia una traccia profonda nel lettore.

martedì 26 febbraio 2008

ce n'era bisogno?

No di certo, non ce n'era nessun bisogno. Però serve a me. Una specie di estensione del mio sito personale, un salottino comodo dove posso contarla in tutta semplicità. Un posto informale. Naturalmente le mie chiacchiere riguardano soprattutto i libri che leggo, o i film che vedo, se c'è qualcosa che mi interessa dire. E se qualcuno vuole rispondermi, moltissimo di guadagnato. Per il momento è tutto.